Brasile 2014: tutti i risultati… della corruzione

18/06/2014 - in corruzione

commenti

Labourers stand at the National Mane Garrincha stadium in Brasilia

I mondiali di calcio, come tutti i grandi eventi sportivi planetari, si prestano a diverse letture: sono celebrazioni del talento, momenti di incontro fra culture, tradizioni da preservare e occasioni per incentivare lo sviluppo e il turismo dei paesi ospitanti. Ma siamo sicuri che lo spirito sportivo non sia solo un pretesto per alimentare interessi milionari?
Negli ultimi anni abbiamo assistito alla trasformazione degli eventi sportivi nell’Eldorado di affaristi, palazzinari, nonché dirigenti e politici corrotti. Dai sospetti di corruzione per i mondiali di nuoto di Roma 2009 alle recenti accuse alla Fifa sull’assegnazione di Quatar 2011, passando per le costosissime Olimpiadi di Sochi in Russia, l’ombra delle mazzette è una costante. Tuttavia, nonostante le spese esorbitanti, la sciatteria dei risultati, le promesse disattese, quasi mai si è arrivati ad accertare il reato e a punire i colpevoli. È accaduto sempre, invece, che i cittadini  ripagassero i fallimenti e gli sprechi, di tasca propria. Una vicenda su tutte:  24 anni dopo Italia’90, nel bilancio dello Stato italiano ci sono ancora 61 milioni di euro da estinguere per i mutui contratti allora.

Ma analizziamo sulla base delle cifre il caso di Brasile 2014:  quanto “è convenuto” ai brasiliani investire nell’organizzazione della World Cup? E quanto invece ha contribuito ad alimentare interessi illeciti e corruzione?

PUNTI A SFAVORE: MONDIALI? No grazie

COSTI E EXTRACOSTI

Uno studio di Ernst & Young Terco e Fondazione Getulio Vargas del 2011 indicava che il Brasile avrebbe dovuto investire per la World Cup 29,60 miliardi di Real, ovvero circa 13 miliardi di dollari, di cui 6 miliardi (42%) di fondi pubblici (governo), il resto a carico dei privati. Questo investimento avrebbe generato un impatto totale sull’economia, in termini  di beni e servizi e benefici indiretti, superiore ai 60 miliardi di dollari, e  3.63 milioni di posti di posti di lavoro all’anno nel periodo dal 2010 al 2014 e 28 miliardi di dollari di incremento di reddito per la popolazione. Non è andata esattamente così.
Secondo il Portale di Trasparenza del governo brasiliano, che tiene quotidianamente aggiornato un contatore, è prevista una spesa di circa 11 miliardi di dollari a carico dei cittadini tra finanziamenti statali, federali e comunali per stadi, aeroporti, porti, sicurezza e mobilità urbana (pari allo 0,5 per cento del Pil).  Altre voci autorevoli parlano tuttavia di cifre molto diverse, come l’Associazione brasiliana di infrastruttura e industria di base (Abdib)  che include nel conteggio altri finanziamenti ad esempio per la manutenzione e l’energia elettrica, arrivando a ipotizzare un impatto di 48 miliardi di dollari: il quadruplo. Fare un bilancio realistico di quanto sono costati e costeranno ai brasiliani i mondiali di quest’anno è un’impresa impossibile.
Considerando che il totale di “soli” 3,5 miliardi di dollari di Sudafrica 2010 aveva già destato scandalo, Brasile 2014 non passerà certo alla storia come un mondiale parsimonioso. Se poi andiamo a analizzare la sproporzione dei prezzi caricati dalle compagnie vincitrici degli appalti, l’investimento appare ancor più ingiustificato. Dai dati diffusi dai revisori della Corte dei Conti nei mesi precedenti all’avvio della Coppa del mondo, qui il report di CBC News in collaborazione con AP, e da altri enti locali come l’organizzazione no profit Contas Abertas che si batte per la trasparenza della spesa pubblica emerge che:

- il 60 per cento delle opere promesse è rimasto solo un progetto

- il costo di costruzione dello Stadio Mane Garrincha di Brasilia è quasi triplicato e sfiora i 900 milioni di dollari di fondi pubblici. È il secondo più costoso al mondo, anche se la città non ha neanche un team titolare di calcio. Le indagini in corso attribuiscono il sovrapprezzo a fatturazione fraudolenta.

- solo il prezzo della costruzione e ristrutturazione delle 12 arene sparse per il Paese ha quasi quadruplicato le stime di costo iniziali.

- per fare un esempio specifico, il trasporto di tribune prefabbricate nello stadio di Brasilia doveva costare solo 4.700 dollari ma il consorzio incaricato del lavoro ha fatturato 1.5 milioni di dollari.

- l’acciaio per costruire l’arena di Brasilia doveva corrispondere a un quinto delle spese totali ma a causa di pratiche di taglio sbagliate, sprechi, cattiva pianificazione si sono sommati ulteriori 28 milioni dollari.

- secondo i revisori nelle fatture ci sono 2,3 milioni di dollari in più di materiali che semplicemente sono stati conteggiati più volte.

INTERESSI POLITICI E SOSPETTI DI CORRUZIONE

- le principali aziende coinvolte nei lavori della WorldCup hanno molteplici legami con la politica del paese, tra cui Andreade Gutierrez, lead builder dello stadio di Brasilia che ha aumentato le sue donazioni alla politica durante le ultime elezioni.

- altri 16 milioni dollari sono andati persi quando il governo di Brasilia non è riuscito a riscattare una multa contro Andrade Gutierrez, per un ritardo di cinque mesi nel completamento della parte principale dello stadio.

“Ciò che doveva essere rubato è già stato rubato”, ha dichiarato Joana Havelange, direttrice del Col, il Comitato organizzatore locale del mondiale Fifa,  su Instagram. La frase ha suscitato molte polemiche soprattutto perché a pronunciarla è la figlia di Ricardo Teixeira, per 23 anni a capo della federazione brasiliana e nipote di Joao Havelange, presidente della Fifa dal ’74 al ’98.

- Negli anni di preparazione si sono susseguiti scandali a catena che hanno decimato il governo di Dilma Rousseff e hanno portato alle dimissioni diversi ministri. Gli intrallazzi relativi alle infrastrutture per Mondiali e Olimpiadi sono state spesso al centro delle accuse.

IMPATTO SU PIL, INFLAZIONE, DEFICIT

Secondo il rapporto pubblicato da Euler Hermes (pdf), società del gruppo Allianz, sugli effetti economici dei mondiali e delle Olimpiade di Rio 2016:
- i grandi eventi sportivi hanno prodotto nei primi tre mesi del 2014 un incremento di Pil reale di 0,2 pp, che porterà a un +1,9% su base annua, destinato nelle previsioni di fine anno a frenare a +1,8% nonostante la World Cup. Sono lontani i dati del 2010 quando il Brasile con il 7,5% di incremento del Pil diventò la sesta potenza al mondo.
- l’inflazione durerà a lungo anche dopo la conclusione dell’evento. In aumento al 6,3% nel 2014, scenderà solo al 6,1% nel 2015.
- la creazione di nuovi posti di lavoro è al di sotto le stime e sembra che la maggior parte dei posti saranno a breve termine e di basso profilo.
- il deficit di bilancio dello Stato aumenterà di oltre un punto percentuale e il totale dei crediti richiesti per le grandi opere, tra mondiali e Olimpiadi (Rio 2016), è pari all’8% del debito complessivo.

PUNTI A FAVORE: MONDIALI? Sì grazie

SVILUPPO E  INFRASTRUTTURE

Sulla base dello studio di Euler Hermes, sopra citato risulta che:
- il paese ha aumentato del 20% la sua struttura ricettiva: 70 hotel costruiti ex novo nelle 12 città sede con 5mila nuove stanze di standard internazionale che accoglieranno i turisti. Questo soprattutto grazie cospicuo capitale investito nel settore del turismo e delle comunicazioni dalla Banca nazionale di sviluppo economico e sociale.
- nelle principali città brasiliane è stata potenziata del 50% la capacità di trasmissione di dati via Internet grazie a investimenti privati.
- il parco aeroporti è cresciuto del 36% mentre quello sportivo è stato rinnovato per la prima volta dagli anni Settanta con tecnologie di ultima generazione.

MORALE

Pur se contenuto, l’effetto positivo a livello economico sarà amplificato in una nazione già avviata sulla strada della crescita. Inoltre, secondo la Soccernomics, il clima di euforia che si crea dopo un trionfo calcistico genera maggiore fiducia, ottimismo e propensione al consumo. Ma c’è da sperare che i giallo-oro arrivino almeno in finale per giustificare un tale sforzo.

Secondo vari sondaggi condotti da quotidiani e istituti di ricerca internazionali, i brasiliani sono ben coscienti di tutto questo. Per il quotidiano Folha de San Paulo il 90% degli intervistati è convinto che la corruzione abbia completamente contaminato l’evento e il 66% pensa che se ne otterranno più svantaggi che vantaggi. In conclusione: è stata pessima la decisione di ospitare i mondiali per 6 brasiliani su 10 secondo Pew Research.

E tu cosa ne pensi? Mondiali sì o no?

Laura Ghisellini