Elezioni comunali 2014
Fano (PU)

Massimo Seri

Sindaco di Fano (PU)
candidato trasparente

Candidato trasparente

Alle elezioni comunali 2014 il candidato ha reso trasparente la sua candidatura pubblicando/dichiarando:

  1. Curriculum vitae disponibile all'indirizzo: www.provincia.pu.it/fileadmin/grpmnt/105…
  2. Situazione reddituale:
    REDDITI DA LAVORO (lordi in euro) 46.632,00
    PATRIMONIO (in euro) Abitazione principale, Touran a metano, Scooter, Vespa
    ATTIVITÀ FINANZIARIE (in euro) 0
  3. Il candidato dichiara di non avere potenziali conflitti di interesse
  4. Il candidato dichiara di non avere procedimenti giudiziari passati in giudicato o in corso

Impegno

Il candidato s’impegna ad adottare la direttiva “trasparenza a costo zero” e ad attuarla in ogni suo punto.

Dichiarazione personale

Aderisco a questa valida iniziativa, consigliatami dai giovani della mia coalizione, per dare un segnale alla cittadinanza di trasparenza istituzionale. Se si dice la verità, la gente si aspetta la verità.

Biografia

Massimo Seri nasce a Schwyz (Svizzera) il 15 novembre 1964. È sposato con Nadia e ha due figli, Edoardo e Linda di 10 e 8 anni. Laureato in Scienze Politiche all'Università di Urbino, dal giugno 2009 è Assessore della Provincia di Pesaro e Urbino con delega alle Politiche attive per il lavoro e la Formazione professionale, attività sportive Gioco, Sport per tutti, Partecipazione, Rapporti con i cittadini della provincia nel mondo. Significative le esperienze lavorative nel settore privato dove ha ricoperto ruoli di grande responsabilità ai vertici di un'azienda leader della grande distribuzione. Da sempre attivo nel sociale e nel mondo dello sport, Massimo Seri è stato Presidente di Avis Fano dal 2005 al 2013 e Presidente del Panathlon Club di Fano per il biennio 2012-2013. Si candida alle primarie della coalizione di Centrosinistra "Fare Città" (Partito Democratico, Sinistra Unita, Partito Socialista Italiano, Noi Città - Seri Sindaco, La Fano dei Quartieri, Noi Giovani - Seri per Fano) e vince al primo turno con oltre duemila voti e superando il 50% dei consensi.