Elezioni
Europee 2014

Antonio Tavani

Fratelli d'Italia
candidato trasparente

Candidato trasparente

Alle elezioni europee 2014 il candidato ha reso trasparente la sua candidatura pubblicando/dichiarando:

  1. Curriculum vitae (scarica)
  2. Situazione reddituale:
    REDDITI DA LAVORO (lordi in euro) 56.685,00
    Totale Redditi Imponibili Ultima Dichiarazione di cui € 14.890 per Lavoro Dipendente e € 41.795 per Incarichi presso Amministrazione Provinciale di Chieti
    PATRIMONIO
    Non sono intestatario di alcun asset immobiliare e/o mobiliare
    ATTIVITÀ FINANZIARIE (in euro) Nessuna
  3. Dichiarazione rispetto a potenziali conflitti di interesse:
    Nessuno, la mia famiglia ha una piccola impresa nel settore turistico (albergo con ristorante)
  4. Dichiarazione rispetto a procedimenti giudiziari passati in giudicato o in corso:
    Nessuna condanna definitiva, nessun giudizio rilevante in corso

Impegno

Il candidato s’impegna a costituire l’intergruppo europeo contro la criminalità organizzata e la corruzione e a promuovere attraverso di esso gli impegni di Riparte il futuro.

Dichiarazione personale

E' una azione meritevole della massima attenzione. L'anti-politica imperante è dovuta sì alla crisi economica e di valori attuale, ma anche e soprattutto ai comportamenti distorti di una parte di classe politica che, senza distinzione di appartenenza, mette in gioco l'interesse collettivo per vicende personali o di lobbies negative

Biografia

ANTONIO TAVANI Dal 1991 si occupa a tempo pieno della conduzione dell'impresa turistica a Fara San Martino, l'azienda di famiglia, l'HOTEL DEL CAMERLENGO. Appassionato ed esperto di turismo ha ricoperto incarichi direttivi nel Consorzio Turistico "Abruzzo da Scoprire" fin dal 1996, data della sua fondazione, e nel Consorzio Promotional Tour VAL di SANGRO. Nei primi mesi del 2004 è stato nominato membro del Consiglio d'Amministrazione della "Società Sviluppo Turismo Sangro-Aventino", eletto come rappresentante dell'Associazione degli Enti Locali del Patto Territoriale, e lo è stato fino alla fine del 2005. Appassionato di sport, ha praticato il calcio amatoriale per qualche anno e assiduamente fin da ragazzino il tennis, sua grande passione; da qualche anno, insieme con amici di Fara, Civitella e Lama dei Peligni, è uno degli animatori del ciclismo amatoriale della valle dell'Aventino; è organizzatore, e sponsor con la sua azienda, di numerosi eventi ciclistici negli ultimi anni; si diletta a percorrere le nostre strade in bici appena ne ha la possibilità; gli piace stare con la gente. È vissuto in una famiglia dove la politica era di casa, suo padre è stato impegnato attivamente per oltre quaranta anni, anche come sindaco di Fara San Martino dal 1970 al 1979. Si è avvicinato alla politica attiva nel 2000, quando insieme con un gruppo di concittadini ha dato vita ad una lista civica con l'obiettivo di amministrare il proprio paese. È stato eletto nel maggio 2001 con il 56% delle preferenze, riconfermato nel 2006 con oltre il 90% dei voti. Nel 2011 è stato il primo degli eletti nella competizione amministrativa comunale, oggi siede in Consiglio Comunale con la carica di Capogruppo di Maggioranza. Fonda il suo impegno politico su iniziative di carattere generale nel campo dell'ambiente, dell'energia e della sostenibilità, ed è da sempre impegnato su alcune importanti questioni tese al riequilibrio socio-economico delle aree interne, indirizzate al miglioramento della qualità della vita nei piccoli centri. Nel 2001 si è tesserato con Alleanza Nazionale. È stato eletto con A.N. nel Consiglio Provinciale nel giugno 2004 come primo votato per numero di preferenze (1.773) e secondo per percentuale (23% nel collegio). È stato designato dal capogruppo Mauro Febbo a rappresentare A.N. nella Commissione Bilancio, Commissione Urbanistica, Commissione Lavori Pubblici, Commissione Agricoltura. Nel 2009 è stato riconfermato in Consiglio Provinciale con il Popolo delle Libertà nel collegio 13 (Gessopalena) con 2.332 voti (pari al 33,41% del suo collegio). Nel 2008 è stato primo dei NON eletti nelle consultazioni per il Consiglio Regionale (secondo per 32 voti, ottenendo 2940 preferenze in una lista civica a sostegno del centrodestra di Gianni Chiodi). Passato nelle file di FRATELLI d'ITALIA nel 2013, anno di fondazione, è stato candidato come capolista al Senato nelle Politiche del febbraio 2013, sfiorando l'impresa dell'elezione.