Last bet

1 giugno 2011. L’arresto di Marco Paoloni a seguito delle indagini della Procura di Cremona nell’ambito dell’inchiesta denominata Last bet dà di fatto il via allo scandalo del calcio scommesse: una rete di corruzione, illeciti, associazione a delinquere che coinvolgerà numerosi tesserati ed ex tesserati del mondo del calcio, giocatori, dirigenti, medici sportivi. All’inchiesta di Cremona si affiancheranno nel giro di pochi mesi le Procure di Bari, Genova e Napoli, a testimonianza di un giro illecito di affari ramificato in tutto il territorio nazionale e con il coinvolgimento di denaro sporco proveniente da diverse organizzazioni criminali internazionali.

Scopri con l'autore Paolo Ferro tutti i retroscena del racconto "Last bet" che sarà pubblicato in primavera -->

l'autore

paolo
Paolo Ferro

26 anni, Firenze

bio

Paolo Ferro nasce a Firenze nel 1988. Dopo la maturità scientifica, coerentemente si iscrive alla facoltà di media e giornalismo dove, altrettanto coerentemente, si laurea con una tesi in estetica classica. Nel 2011 viene ammesso al Master in Scrittura e Storytelling della Scuola Holden, dove si diploma nel giugno 2013, ottenendo la borsa di studio per il terzo anno. È co-sceneggiatore di un corto selezionato da Alex Ongaro (Dreamworks) per la realizzazione ad opera dei diplomandi del Big Rock Institute of Magic Technologies. Attualmente sta lavorando al suo primo romanzo.

11 FEB

L’istante che precede un rinvio dal fondo

Schermata 2014-02-11 alle 14.30.18

Per fotografare il protagonista di questo racconto potevo scegliere tante immagini, comprese quelle che lo immortalano ammanettato all’ingresso della Procura. Avrebbero avuto sicuro impatto, ma non avrebbero definito l’idea che sta dietro alla storia che ho voluto raccontare.
La storia non di un mostro, ma di un uomo, uno sportivo, un ragazzo che ha gettato tutto il suo talento a causa di una debolezza, corrotto da un sistema che prima l’ha avvolto e poi l’ha disintegrato, lasciandogli solo i rimpianti.
Per questo ho scelto questa foto. Non perché rappresenti un momento particolare nella carriera del portiere Mirco Paoloni (deferito nell’ambito dell’inchiesta sul calcioscommesse), ma perché in quell’istante – l’istante che precede l’esecuzione di un normale rinvio dal fondo – ho visto un particolare che non ho più ritrovato in immagini scattate in seguito, e che credo sia lo stesso di cui Marco ha bisogno e che sta cercando, faticosamente, di ritrovare: la testa alta.

SEGUI TUTTE LE PUNTATE DELLA STORIA “LAST BET” DI PAOLO FERRO>>

condividi