Musica contro le mafie e Musicisti anticorruzione: uniti si cambia musica

17/10/2013 - in corruzione

commenti

musica-contro-mafie

La camapagna Riparte il futuro ha lanciato qualche giorno fa un appello al mondo della musica: “Caro musicista, prenditi ala tua quota di responsabilità nella battaglia contro la corruzione. Te lo chiedono i tuoi fan.
In poco tempo sono arrivate oltre 25.000 messaggi rivolti ai cantanti, per chiedere di sostenere questa importantissima battaglia e diffonderla sfruttando la loro popolarità. Per ora nessun artista ha risposto all’appello… ma non ci arrenderemo finché non saremo ascoltati.
Anche Musica contro le mafie ha deciso di aderire a questo progetto e di dargli voce. L’associazione è nata nel 2009 con l’obiettivo realizzare progetti e iniziative tese a dare sostegno tramite la musica ad altre associazioni impegnate in prima linea nella lotta alle mafie e nella diffusione della cultura della legalità.

“La Musica è sempre stata in prima linea nella lotta alle mafie – dicono i promotori del progetto -  ma relegata ad un ruolo di colonna sonora delle lotte di quegli uomini che sono diventati eroi o martiri del nostro tempo”. Lo scorso 23 gennaio 2013 è uscito “Musica contro le mafie” (Editori: Rubbettino / Mk Records), un libro con cd in allegato contenente un contributo letterario di 60 artisti tra cui Roy Paci, Euguenio Finardi, Marlene Kuntz, che speriamo saranno i primi ad aderire anche all’appello di Riparte il futuro.

Con questo libro i curatori Gennaro de Rosa e Marco Ambrosi hanno voluto unire il mondo della musica senza distinzione di generi, provenienza o importanza per urlare il loro dissenso, facendo rumore, perchè “La Mafia uccide e il silenzio pure”.
Stesso vale per la corruzione, un problema strettamente connesso alle mafie, ma su cui non sono attualmente accesi i riflettori della politica e dell’opinione pubblica. La corruzione, oltre a rubarci ogni anno almeno 60 miliardi di euro (stime Corte dei Conti), è anche il principale viatico che permette l’ingresso delle mafie nella vita politica e economica del nostro Paese.

Solo uniti si cambia musica!

SOTTOSCRIVI L’APPELLO PER I MUSICISTI >>

 

RIF-su-le-mani