Riforma del voto di scambio politico-mafioso: ulteriori rinvii rappresenterebbero una vera e propria ferita per la democrazia

31/03/2014 - in corruzione

commenti

ancora-2
“Sarebbe estremamente grave se la riforma del 416ter, attesa da anni e sostenuta da oltre 450.000 cittadini, subisse ulteriori slittamenti. Bisogna fare presto come chiedono le decine di migliaia di adesioni già raccolte per l’appello lanciato da Riparte il futuro.
Due sono i principi irrinunciabili per l’approvazione della riforma del 416 ter: l’inserimento di “qualunque altra utilità“, come chiesto da Libera, senza alcun “annacquamento” della norma; l’entrata in vigore del nuovo 416ter prima dell’inizio della campagna elettorale per le prossime elezioni di maggio, europee e soprattutto amministrative.
Ulteriori rinvii rappresenterebbero una vera e propria ferita per la democrazia e rischierebbero di vanificare una riforma così importante per garantire l’effettiva libertà di voto nel nostro Paese, sottraendola sia ai condizionamenti mafiosi sia alle “tentazioni” del voto di scambio. Non c’è più tempo da perdere“. È quanto si legge in una nota dell’Ufficio di presidenza di Libera in merito all’approvazione alla Camera della riforma del 416 ter