Sanremo 2014: tanti cantanti col braccialetto bianco per sostenere Riparte il Futuro

21/02/2014 - in corruzione

commenti

diodato

Prosegue il viaggio di Riparte il Futuro tra le voci del Festival di Sanremo per amplificare la petizione contro la corruzione in Italia.

La riforma del 416 ter sullo scambio politico mafioso, voluta da oltre 380.000 cittadini attraverso la petizione di Riparte il Futuro, è oggetto di discussione alla Camera proprio nei giorni della kermesse. Per questo la campagna promossa da Libera e Gruppo Abele ha lanciato un appello ai cantanti in gara per chiedere loro di farsi promotori attraverso la straordinaria visibilità che offre l’Ariston di un tema così importante per il Paese: dotarsi di un’efficace normativa anticorruzione a cominciare dalla questa legge fondamentale.

La sensibilità di molti artisti in gara non ha tardato a farsi sentire: dai loro camerini Big e Nuove proposte si sono schierati, indossando i braccialetti bianchi simbolo del proprio impegno anticorruzione.

perturbazione

Adesso per i sostenitori Big è arrivato il tempo delle ultime sfide: sul palco vedremo esibirsi nuovamente i Perturbazione (nella foto qui sopra con lo striscione di Riparte il fituro), Antonella Ruggiero, Renzo Rubino (nella foto qui sotto) e Frankie HI-NRG , anche lui da tempo sostenitore della legalità tramite Musica contro le Mafie, progetto della rete di Libera.

RenzoRubino

Tra le Nuove proposte hanno aderito anche The Niro, Diodato (nella foto in alto) e Bianca.

Ricordiamo che il primo cantante a indossare il Braccialetto bianco a Sanremo è stato Daniele Silvestri durante la scorsa edizione, ma sono tanti i musicisti italiani che sostengono da tempo la petizione come Malica Ayane, Niccolò Fabi, Max Gazzè, Fiorella Mannoia, PFM, Daniele Silvestri, Afterhours, Marlene Kuntz, Marta sui tubi, Nomadi e Piero Pelù.

Anche le loro adesioni e la forza che arriva dalla società civile sono il segno tangibile di un cambiamento in atto.
Firma anche tu!

Anna Anselmi