Si comincia così: Pietro Grasso ha presentato il primo DDL su corruzione, voto di scambio, falso in bilancio e autoriciclaggio

16/03/2013 - in corruzione

commenti

“Nel mio primo giorno al Senato ho depositato un Disegno di Legge contro la corruzione, il voto di scambio, il falso in bilancio e l’autoriciclaggio. Il Paese non può attendere oltre: la corruzione ha un costo economico e sociale altissimo, altera il mercato, deprime gli investimenti e lascia ampi spazi di manovra alla criminalità, soprattutto in un periodo di crisi profonda come quello che stiamo attraversando”, afferma Pietro Grasso, Senatore eletto per il Partito Democratico, commentando il suo primo giorno, già operativo, della XVII legislatura.

Aggiunge inoltre che “la proposta presentata oggi ha al suo interno anche la riforma dell’articolo sul voto di scambio politico-mafioso così come richiesto da Libera e dal Gruppo Abele con la campagna “Riparte il futuro”, che ha raccolto l’adesione di 276 parlamentari e più di 161 mila cittadini. Invito quindi tutti i miei colleghi con il braccialetto bianco a firmare con me il Disegno di Legge e tutti i cittadini che vorranno approfondire la proposta a lasciare i loro commenti e osservazioni sul sito www.piattaformaperlagiustizia.it”.

Il segno lasciato da Riparte il futuro, in questi mesi di raccolta firme e di raccolta adesioni di candidati che poi sono stati eletti (276 su 878), è tangibile nelle parole di Pietro Grasso.  Il senatore è stato ha sottoscritto a gennaio i 5 impegni richiesti dalla petizione e ha indossato il braccialetto bianco con la scritta #100giorni simbolo dell’iniziativa in varie occasioni pubbliche.
Dopo aver rispettato 4 punti di trasparenza in campagna elettorale, tutti i cosiddetti ‘Braccialetti bianchi’ si sono impegnati a modificare entro 100 giorni dall’inizio dell’attività parlamentare il 416 ter, la norma in vigore sul voto di scambio politico-mafioso, che Grasso affronta appunto nel suo Disegno di Legge.
Come a dire: i 100 giorni di Riparte il futuro non sono ancora iniziati (il via del countdown sarà presto annuniciato) ma non c’è tempo per perdere tempo.

Il neo Senatore conclude “Appena entrato in Senato ho visto che sul soffitto sono affrescate quattro parole: giustizia, diritto, fortezza e concordia. Hanno ispirato da sempre la mia vita e il mio lavoro, spero varrà lo stesso per i miei colleghi, di tutti gli schieramenti. Il Paese ha bisogno di risposte rapide”.

QUI IL TESTO COMPLETO DEL DISEGNO DI LEGGE >>