Articoli con il tag “Braccialetti bianchi

5 braccialetti bianchi nel nuovo governo Renzi: rispettino l’impegno contro la corruzione!

24/02/2014 - in corruzione

commenti

new_BB_Ministri

Sono cinque i Braccialetti bianchi che compaiono tra le file del nuovo governo Renzi. Tre deputati e due senatori che fin dai tempi delle elezioni politiche del febbraio 2013 hanno sottoscritto il patto con i cittadini firmatari della petizione Riparte il futuro promossa da Libera e Gruppo Abele: impegnarsi dai seggi parlamentari a portare avanti la battaglia contro la corruzione in Italia, un problema urgentissimo che dovrebbe essere al primo posto dell’agenda politica.

Sono Federica Mogherini, oggi ministro degli Esteri, Roberta Pinotti, ministro della Difesa, Stefania Giannini, ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca, Dario Franceschini, ministro dei Beni e attività culturali e turismo e Marianna Madia, ministro della Semplificazione e Pubblica Amministrazione. A loro rinnoviamo l’appello perché, forti del nuovo ruolo ricoperto, portino avanti la battaglia promossa a gran voce dalla società civile, che sta faticosamente raggiungendo importanti risultati.

Riparte il futuro è infatti impegnata sul fronte delle riforme per l’approvazione del nuovo testo del 416ter sullo scambio elettorale politico-mafioso e sul fronte della trasparenza con la petizione rivolta alle Aziende sanitarie nazionali.

Oggi pomeriggio il premier Matteo Renzi presenterà il suo piano d’azione nel discorso per la fiducia e ci auguriamo che la parola “corruzione”, e soprattutto “anticorruzione”, siano protagoniste, più di quanto non lo siano state fino a oggi. La lotta alla corruzione non è soltanto una questione di legalità e di moralità ma è anche, e soprattutto, un’emergenza economica da cui dipende il futuro del Paese, nonché la qualità della vita quotidiana degli italiani.

Fuori dalle aule ministeriali, la campagna Riparte il futuro continua a porre l’accento sull’importanza della lotta alla corruzione, fattore indispensabile per la ripresa del nostro paese. Riducendo la corruzione a vantaggio della sana competitività, aumenterebbero gli investimenti e le opportunità di crescita e lavoro, specialmente per la fascia più penalizzata ovvero quella giovanile. Inoltre la corruzione danneggia i servizi, sottrae fondi pubblici destinati alla sanità, alla cultura alla ricerca e permette l’ingresso delle mafie nelle Istituzioni.

Primo passo: essere consapevoli della reale natura del problema.
Secondo passo: affrontarla di petto. Questo chiediamo al governo Renzi.

FIRMA RIPARTE IL FUTURO >>

 

 


I nomi dei Braccialetti bianchi che hanno rispettato l’impegno preso con i cittadini e con Riparte il futuro

29/01/2014 - in corruzione

commenti

Ieri pomeriggio, dopo la votazione del Senato, il senatore Francesco Russo ha postato sul suo account Twitter la foto della sua mano che vota ‘favorevole’ alla riforma dello scambio elettorale politico-mafioso e una frase: Votata modifica 416ter! Orgoglioso di essere stato da subito un #braccialettobianco!

Russo è solo un esempio: sono tanti i senatori di vari partiti che ieri, a circa un anno dalla loro adesione alle richieste di Riparte il futuro, hanno rispettato l’impegno più importante di fronte agli oltre 377.000 cittadini firmatari: modificare questa legge come primo passo di un efficace contrasto alla corruzione nel nostro Paese.

Trovate qui tutti i nomi dei Braccialetti bianchi che hanno mantenuto le promesse.
Succede anche in Italia di mantenere le promesse… anche grazie al contributo della società civile.

BfEzTnZIMAE2ywN.jpg_large


416ter passa al Senato: ecco i nomi dei senatori favorevoli, contrari e astenuti

29/01/2014 - in corruzione

commenti

Il Senato ha approvato la riforma del voto di scambio politico-mafioso. È una grande notizia per l’Italia e l’applauso va anche a tutti i cittadini che hanno firmato e continuano a firmare la petizione Riparte il futuro per portare a termine questa battaglia alla Camera. La campagna ha raccolto in circa un anno oltre 377.000 firme e circa 350 parlamentari, cosiddetti “braccialetti bianchi”, si sono pubblicamente impegnati a far approvare in breve tempo questa riforma di legge necessaria per intraprendere una efficace lotta alla corruzione nel nostro Paese..

Vediamo come si sono espressi i singoli senatori al momento del voto in Aula. Indichiamo con la sigla “bb” anche chi tra loro ha rispettato o meno il proprio impegno di “braccialetto bianco”.

Dettagli seduta n. 176 del 28 gennaio 2014: Presidente: Pietro Grasso. Presenti: 240. In congedo o in missione: 35 Numero legale: 143. Maggioranza: 120. Votanti: 238. Favorevoli: 168. Contrari: 4. Astenuti: 66

HANNO VOTATO A FAVORE

AIROLA Alberto, M5S bb
ALBANO Donatella, PD bb
ANGIONI Ignazio, PD
ANITORI Fabiola, Misto
ARRIGONI Paolo, LN-Aut
ASTORRE Bruno, PD bb
BAROZZINO Giovanni, Misto bb
BATTISTA Lorenzo, M5S bb
BELLOT Raffaela, LN-Aut
BENCINI Alessandra, M5S bb
BERGER Hans, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
BERTOROTTA Ornella, M5S
BIANCO Amedeo, PD
BISINELLA Patrizia, LN-Aut
BITONCI Massimo, LN-Aut
BLUNDO Rosetta Enza, M5S
BOCCHINO Fabrizio, M5S
BORIOLI Daniele Gaetano, PD bb
BOTTICI Laura, M5S bb
BROGLIA Claudio, PD
BUCCARELLA Maurizio, M5S bb
BUEMI Enrico, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
BULGARELLI Elisa, M5S
CALDEROLI Roberto, LN-Aut
CALEO Massimo, PD bb
CAMPANELLA Francesco, M5S
CANDIANI Stefano, LN-Aut
CANTINI Laura, PD bb
CAPACCHIONE Rosaria, PD bb
CAPPELLETTI Enrico, M5S
CARDINALI Valeria, PD bb
CASSON Felice, PD bb
CENTINAIO Gian Marco, LN-Aut
CERVELLINI Massimo, Misto bb
CIOFFI Andrea, M5S
CIRINNA’ Monica, PD bb
COCIANCICH Roberto, PD bb
COLLINA Stefano, PD
COMAROLI Silvana Andreina, LN-Aut
CONSIGLIO Nunziante, LN-Aut
COTTI Roberto, M5S
CRIMI Vito Claudio, M5S bb
CUCCA Giuseppe Luigi Salvatore, PD
CUOMO Vincenzo, PD bb
D’ADDA Erica, PD
D’ONGHIA Angela, PI bb
DALLA ZUANNA Gianpiero, SCpI
DE BIASI Emilia Grazia, PD bb
DE CRISTOFARO Peppe, Misto
DE MONTE Isabella, PD bb
DE PETRIS Loredana, Misto bb
DE PIETRO Cristina, M5S
DE PIN Paola, Misto
DE POLI Antonio, PI bb
DEL BARBA Mauro, PD bb
DELLA VEDOVA Benedetto, SCpI
DI GIORGI Rosa Maria, PD bb
DIRINDIN Nerina, PD bb
DIVINA Sergio, LN-Aut
DONNO Daniela, M5S
ENDRIZZI Giovanni, M5S bb
ESPOSITO Stefano, PD
FABBRI Camilla, PD bb
FATTORI Elena, M5S
FAVERO Nicoletta, PD bb
FEDELI Valeria, PD bb
FERRARA Elena, PD bb
FILIPPI Marco, PD bb
FILIPPIN Rosanna, PD bb
FINOCCHIARO Anna, PD bb
FISSORE Elena, PD
FORNARO Federico, P bb
FRAVEZZI Vittorio, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE bb
GAETTI Luigi, M5S
GATTI Maria Grazia, PD
GHEDINI Rita, PD bb
GIARRUSSO Mario Michele, M5S
GINETTI Nadia, PD bb
GOTOR Miguel, PD
GRANAIOLA Manuela, PD bb
GUERRIERI PALEOTTI Paolo, PD
ICHINO Pietro, SCpI bb
IDEM Josefa, PD
LAI Bachisio Silvio, PD bb
LANIECE Albert, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
LANZILLOTTA Linda, SCpI
LEPRI Stefano, PD bb
LO GIUDICE Sergio, PD bb
LO MORO Doris, PD bb
LONGO Fausto Guilherme, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
LUCHERINI Carlo, PD
LUCIDI Stefano, M5S bb
LUMIA Giuseppe, PD bb
MANASSERO Patrizia, PD bb
MANGILI Giovanna, M5S
MARAN Alessandro, SCpI
MARCUCCI Andrea, PD
MARGIOTTA Salvatore, PD
MARINO Mauro Maria, PD
MARTINI Claudio, PD
MARTON Bruno, M5S bb
MATTESINI Donella, PD bb
MATURANI Giuseppina, PD
MICHELONI Claudio, PD
MIGLIAVACCA Maurizio, PD bb
MINEO Corradino, PD bb
MIRABELLI Franco, PD bb
MOLINARI Francesco, M5S
MONTEVECCHI Michela, M5S bb
MORGONI Mario, PD bb
MORONESE Vilma, M5S
MORRA Nicola, M5S bb
MOSCARDELLI Claudio, PD
MUCCHETTI Massimo, PD
MUNERATO Emanuela, LN-Aut
MUSSINI Maria, M5S bb
ORRU’ Pamela Giacoma Giovanna, PD
PADUA Venera, PD bb
PAGLIARI Giorgio, PD bb
PAGLINI Sara, M5S
PALERMO Francesco, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
PANIZZA Franco, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE bb
PARENTE Annamaria, PD
PEGORER Carlo, PD
PETRAGLIA Alessia, Misto bb
PETROCELLI Vito Rosario, M5S
PEZZOPANE Stefania, PD bb
PIGNEDOLI Leana, PD bb
PIZZETTI Luciano, PD bb
PUGLIA Sergio, M5S bb
PUGLISI Francesca, PD bb
PUPPATO Laura, PD bb
RANUCCI Raffaele, PD
RICCHIUTI Lucrezia, PD bb
ROMANI Maurizio, M5S
ROSSI Gianluca, PD bb
RUSSO Francesco, PD bb
RUTA Roberto, PD
SANGALLI Gian Carlo, PD bb
SANTANGELO Vincenzo, M5S
SANTINI Giorgio, PD bb
SCALIA Francesco, PD
SCIBONA Marco, M5S bb
SERRA Manuela, M5S
SILVESTRO Annalisa, PD
SIMEONI Ivana, M5S bb
SOLLO Pasquale, PD bb
SONEGO Lodovico, PD
SPILABOTTE Maria, PD bb
SPOSETTI Ugo, PD
STEFANI Erika, LN-Aut
STEFANO Dario, Misto bb
SUSTA Gianluca, SCpI
TAVERNA Paola, M5S
TOCCI Walter, PD
TOMASELLI Salvatore, PD bb
TONINI Giorgio, PD bb
TRONTI Mario, PD
TURANO Renato Guerino, PD
URAS Luciano, Misto bb
VACCARI Stefano, PD bb
VACCIANO Giuseppe, M5S bb
VALENTINI Daniela, PD bb
VATTUONE Vito, PD
VERDUCCI Francesco, PD bb
VOLPI Raffaele, LN-Aut
ZANDA Luigi, PD bb
ZANONI Magda Angela, PD bb

HANNO VOTATO CONTRO

BARANI Lucio, GAL
COMPAGNA Luigi, NCD
DAVICO Michelino, GAL
DI GIACOMO Ulisse, NCD

SI SONO ASTENUTI

ALBERTI CASELLATI Maria Elisabetta, FI-PdL XVII
ALICATA Bruno, FI-PdL XVII
AMORUSO Francesco Maria, FI-PdL XVII
ARACRI Francesco, FI-PdL XVII
AUGELLO Andrea, NCD
AZZOLLINI Antonio, NCD
BERNINI Anna Maria, FI-PdL XVII
BIANCONI Laura, NCD
BILARDI Giovanni, NCD
BONFRISCO Anna Cinzia, FI-PdL XVII
BRUNI Francesco, FI-PdL XVII
BRUNO Donato, FI-PdL XVII
CALIENDO Giacomo, FI-PdL XVII
CARIDI Antonio Stefano, NCD
CASSANO Massimo, NCD
CERONI Remigio, FI-PdL XVII
CHIAVAROLI Federica, NCD
COMPAGNONE Giuseppe, GAL
CONTE Franco, NCD
D’ALI’ Antonio, NCD
D’ASCOLA Nico, NCD
DALLA TOR Mario, NCD
DE SIANO Domenico, FI-PdL XVII
FALANGA Ciro, FI-PdL XVII
FASANO Enzo, FI-PdL XVII
FERRARA Mario, GAL
FLORIS Emilio, FI-PdL XVII
FORMIGONI Roberto, NCD
GALIMBERTI Paolo, FI-PdL XVII
GENTILE Antonio, NCD
GIOVANARDI Carlo, NCD
IURLARO Pietro, FI-PdL XVII
LANGELLA Pietro, GAL
LIUZZI Pietro, FI-PdL XVII
LONGO Eva, FI-PdL XVII
MALAN Lucio, FI-PdL XVII
MANCUSO Bruno, NCD bb
MARIN Marco, FI-PdL XVII
MATTEOLI Altero, FI-PdL XVII
MAURO Giovanni, GAL
MAZZONI Riccardo, FI-PdL XVII
MESSINA Alfredo, FI-PdL XVII
MINZOLINI Augusto, FI-PdL XVII
MUSSOLINI Alessandra, FI-PdL XVII bb
PAGANO Pippo, NCD
PAGNONCELLI Lionello Marco, FI-PdL XVII
PALMA Nitto Francesco, FI-PdL XVII
PELINO Paola, FI-PdL XVII
PERRONE Luigi, FI-PdL XVII
PICCINELLI Enrico, FI-PdL XVII
PICCOLI Giovanni, FI-PdL XVII
RAZZI Antonio, FI-PdL XVII
REPETTI Manuela, FI-PdL XVII
ROMANI Paolo, FI-PdL XVII
ROSSI Luciano, NCD
SACCONI Maurizio, NCD
SCIASCIA Salvatore, FI-PdL XVII
SCILIPOTI Domenico, FI-PdL XVII
SCOMA Francesco, FI-PdL XVII
SIBILIA Cosimo, FI-PdL XVII
TARQUINIO Lucio Rosario Filippo, FI-PdL XVII
VICECONTE Guido, NCD
VILLARI Riccardo, FI-PdL XVII
ZANETTIN Pierantonio, FI-PdL XVII
ZIZZA Vittorio, FI-PdL XVII
ZUFFADA Sante, FI-PdL XVII

PARLAMENTARI IN CONGEDO O  IN MISSIONE PER CONTO DEL SENATO

BERTUZZI Maria Teresa, PD bb
BIGNAMI Laura, M5S
BUBBICO Filippo, PD
CASINI Pier Ferdinando, PI
CATALFO Nunzia, M5S
CATTANEO Elena, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
CHITI Vannino, PD bb
CIAMPI Carlo Azeglio, Misto
CORSINI Paolo, PD bb
CROSIO Jonny, LN-Aut
D’ANNA Vincenzo, GAL
ESPOSITO Giuseppe, NCD
FAZZONE Claudio, FI-PdL XVII
GAMBARO Adele, Misto
GASPARRI Maurizio, FI-PdL XVII
GIACOBBE Francesco, PD
GIRO Francesco Maria, FI-PdL XVII
GUALDANI Marcello, NCD
GUERRA Maria Cecilia, PD
LATORRE Nicola, PD
LEZZI Barbara, M5S
MANCONI Luigi, PD
MAURO Mario, PI
MINNITI Marco, PD
MONTI Mario, SCpI
NENCINI Riccardo, Aut (SVP, UV, PATT, UPT)-PSI-MAIE
ORELLANA Luis Alberto, M5S
PEPE Bartolomeo, M5S
PIANO Renzo, Misto
PINOTTI Roberta, PD bb
QUAGLIARIELLO Gaetano, NCD
SAGGESE Angelica, PD bb
SCAVONE Antonio Fabio Maria, GAL bb
STUCCHI Giacomo, LN-Aut
VICARI Simona, NCD


Grasso: “Nel ricordo di Borsellino, la Commissione Giustizia del Senato potrà trasformare direttamente in legge la riforma 416 ter”

19/07/2013 - in corruzione

commenti

Pietro Grasso, presidente del Senato, ricordando stamane la memoria di Paolo Borsellino, ucciso 21 anni fa dalla mafia, ha fatto un annuncio clamoroso.

Appellandosi a Riparte il futuro e all’impegno preso con i 275mila cittadini che hanno firmato la petizione, il Presidente del Senato ha dichiarato non solo di aver già assegnato alla Commissione Giustizia il vaglio della modifica del 416ter, ma ha chiesto che agisca con potere deliberante, in modo da dare al più presto un segnale positivo al Paese.

Significa che la proposta di legge non dovrà essere votata dall’Aula del Senato, ma una volta approvata dai membri della Commissione la modifica del 416ter diverrà subito legge, velocizzando notevolmente i tempi che ci si sarebbe aspettati.

grasso-braccialetto

L’utilizzo di questa procedura speciale non accadeva dal gennaio 2008: un ennesimo, straordinario segno a favore della campagna.

La disponibilità ad approvare prima della pausa estiva, dunque entro Luglio, la modifica dell’articolo del Codice Penale sullo scambio elettorale politico-mafioso è stata ribadita anche dal Presidente del Consiglio Enrico Letta, che ricordiamo essere un “braccialetto bianco”. “L’assegnazione della modifica del 416ter alla Commissione Giustizia con potere deliberante è la migliore risposta – ha dichiarato Letta – che si possa dare in una giornata di ricordo come quella odierna”.

Ricordando l’ultimo discorso del giudice Borsellino alla Biblioteca comunale di Palermo, Grasso ha poi sottolineato come oggi ci sia “maggiore consapevolezza sociale e politica; molti sono stati i successi, ma molte sono ancora le sfide nella lotta alla mafia”. Ha ribadito che la politica è chiamata soprattutto a contrastare tutti quei fenomeni che ruotano attorno alla criminalità organizzata, in particolare la corruzione e tutte le forme che ne permettono l’esistenza come l’autoriciclaggio.

 


Appello al Presidente Grasso perché il Senato trasformi in legge il 416 ter: 20.000 firme in 24 ore. Firmiamo tutti!

18/07/2013 - in corruzione

commenti

Schermata 2013-07-18 alle 09.13.10

La lotta alla corruzione è una priorità. La corruzione avvelena il nostro Paese, un sistema dove corrotti e corruttori sottraggono ai cittadini onesti 60 miliardi l’anno (stima ufficiale della Corte dei Conti).
Con oltre 274.000 firme la campagna Riparte il futuro è riuscita a far approvare dalla Camera all’unanimità la riforma del voto di scambio (416 ter), uno dei modi più insidiosi con cui corrotti e corruttori riescono a penetrare nel cuore delle istituzioni.
Ma questo fondamentale passo non è ancora sufficiente, perché la norma deve ora passare al vaglio del Senato.
Ci rivolgiamo ora al Presidente Grasso affinché calendarizzi al più presto il 416 ter al Senato in modo da avere, prima della fine dell’estate, uno strumento indispensabile per il contrasto della corruzione.

“Caro Presidente Grasso,

ci appelliamo a Lei affinché il Senato trasformi definitivamente in legge entro l’estate la riforma sullo scambio elettorale politico-mafioso…”

Riparte il futuro ha fino ad ora dimostrato che i cittadini possono fare la differenza.

Per questo è importante firmare e far firmare l’appello rivolto al Presidente Pietro Grasso>>

 


Votazione trasparente per il 416ter: online tutte le facce, i nomi e i cognomi dei favorevoli e degli assenti in Aula

17/07/2013 - in corruzione

commenti

Schermata 2013-07-17 alle 10.33.05

Ieri si è svolta alla Camera la votazione per la riforma del 416ter chiesta a gran voce da 270.000 cittadini che hanno firmato – e continuano a firmare – la petizione Riparte il futuro. L’unanimità raggiunta, con 503 voti favorevoli su 503 presenti, è un segno importante, che fa sperare in un’altrettanto consenso al Senato.

In linea con i principi fondanti della campagna, che da gennaio a oggi ha combattuto insieme alla società civile per ottenere questo primo importante passo contro la corruzione in Italia, abbiamo voluto che la votazione si svolgesse nella totale trasparenza.
Per questo abbiamo rivolto un appello a Laura Boldrini perché i deputati si esprimessero palesemente. E così è stato.
È online, sul sito della campagna, il prospetto completo della votazione con tutte le facce, i momi e i cognomi dei votanti.

Cerchietto verde per i favorevoli, cerchietto grigio per gli assenti.

Le immagini con foto sono quelle dei deputati “Braccialetti bianchi” che già da tempo , aderendo alla campagna, avevano espresso la volontà di sostenere questo provvedimento in Aula.

Andiamo avanti così e chiediamo già da ora al Presidente Grasso, così come abbiamo fatto con il Presidente Boldrini, di accelerare l’iter al Senato.

FIRMA PER CHIEDERE A PIETRO GRASSO DI VOTARE AL SENATO ENTRO LA FINE DELL’ESTATE >>

Schermata 2013-07-17 alle 09.28.03


Il testo di riforma del 416ter è adottato all’unanimità dalla Commissione Giustizia della Camera. Un primo impegno concreto contro la corruzione. Ora il voto alla Camera

11/07/2013 - in corruzione

commenti

270.000 cittadini hanno chiesto a gran voce la riforma del 416 ter e il testo definitivo è stato appena adottato all’unanimità dalla Commissione Giustizia della Camera. Dal 15 luglio si vota in Aula.

Si tratta di un importante segnale che dimostra la volontà politica di intervenire su questa norma cruciale per la lotta alla corruzione in Italia, rispondendo all’istanza della società civile. Dopo 6 mesi di lavoro, finalmente abbiamo un testo definitivo. Merito di una mobilitazione popolare, che per la prima volta e con mezzi innovativi ha dialogato in modo costruttivo con i parlamentari sui temi della corruzione, merito del lavoro dell’intergruppo dei Braccialetti bianchi, i parlamentari di tutti i partiti che da subito hanno sposato la causa. E merito dei relatori in Commissione, Dambruoso (Scelta Civica) e Mattiello (PD), che hanno saputo andare avanti sulla via dell’accordo.

Il testo che verrà sottoposto alla discussione e votazione della Camera recita:

Chiunque accetta consapevolmente il procacciamento di voti con le modalità previste dal terzo comma dell art 416 bis in cambio dell’erogazione di denaro o di altra utilita è punito con la reclusione da 4 a 10 anni.La stessa pena si applica a Chi procaccia voti con le modalità indicate al comma precedente.

Innanzitutto si introduce il concetto di “altra utilità” richiesto da Riparte il futuro. L’intera formulazione permette poi di tipizzare meglio il comportamento specifico del politico che scende a patti con la criminalità organizzata per ottenere voti. Inoltre con il secondo comma è aggravata la pena inflitta al mafioso che si presta a procacciare voti a favore del politico. In riferimento alla frase “Chiunque accetta consapevolmente”, il verbo “accettare”deve essere interpretato intendendo sì il ruolo passivo, ma anche l’atto volontario e attivo del politico corrotto.
Un testo insomma non ancora impeccabile ma che rappresenta un enorme passo in avanti, a cui dovranno seguirne altri: il Paese chiede un segno chiaro e forte contro la corruzione e non è disposto ad accettare ritardi e vaghezza.

In attesa del voto alla Camera – che sarà palese come assicurato dalla Presidente Laura Boldrini – chiediamo a tutti di sostenere la campagna, invitando alla firma e diffondendo la voce il più possibile.
In un periodo così incerto e talvolta scoraggiante, Riparte il futuro ha aperto una strada di possibilità, contro un problema che da troppo tempo devasta il nostro paese nella semi-indifferenza di tutti.

FIRMA LA PETIZIONE >>


“Dobbiamo fare questa modifica che ci chiede don Ciotti a tutti i costi”, appello di Civati ai suoi colleghi Pd dal Politcamp

08/07/2013 - in corruzione

commenti

Nel week end appena trascorso si è tenuto il Politicamp organizzato da Pippo Civati, braccialetto bianco aderente alla campagna Riparte il futuro contro la corruzione e candidato alla segreteria del Pd.
Durante l’evento, che si è tenuto al Chiostro della Ghiara di Reggio Emilia, Civati ha rinnovato il suo impegno per modificare la legge sullo scambio elettorale politico-mafioso, come richiesto dalla petizione, e ha invitato tutti i suoi colleghi di partito a fare altrettanto. “Noi dobbiamo fare questa modifica che ci chiede don Ciotti a tutti i costi“, ha detto il deputato.

SIAMO 270.000 CONTRO LA CORRUZIONE, FIRMA ANCHE TU >>

 


Adottato all’unanimità dalla Commissione giustizia della Camera il testo base di riforma del 416 ter!

20/06/2013 - in corruzione

commenti

È stato adottato oggi alla Camera, all’unanimità, il testo base che verrà licenziato giovedì 27 Giugno, salvo emendamenti.

I 100 giorni che i braccialetti bianchi avevano a disposizione per mantenere fede alla richiesta della petizione scadono il 24 giugno. Siamo un po’ in ritado sulla tabella di marcia ma sicuramente la strada è imboccata: l’unanimità in Commissione giustizia è un ottimo passo e un segnale importante lanciato agli altri livelli istituzionali.

Il testo riprende le intenzioni portate avanti da Riparte il futuro garantendone un senso completo, in quanto fotografa le diverse possibilità dell’agire criminale. Lo scambio elettorale politico-mafioso avviene infatti mediante l’offerta di denaro ma anche – e soprattutto – di “altre utilità”, ignorate dall’articolo attualmente in vigore. Stiamo verificando nel dettaglio la conformità del testo alle nostre aspettative.

Siamo soddisfatti del parziale risultato, certi che la strada è ancora lunga, ma altrettanto certi di percorrerla insieme. Attorno a questa riforma non possono esserci divisioni e l’unanimità lo conferma.

Un chekpoint fondamentale che arriva entro i tempi promessi alle 250.000 persone firmatarie della petizione online.

Ecco il testo base definitivo:

1. L’articolo 416-ter del codice penale è sostituito dal seguente:

«Art. 416-ter. – (Scambio elettorale politico-mafioso).

Chiunque chiede o accetta la promessa di procacciamento di voti, ottenuti con le modalità previste dal terzo comma dell’articolo 416-bis, in cambio della promessa o dell’erogazione di denaro o di altra utilità è punito con la reclusione da 2 a 8 anni.

La  pena è aumentata per chi ottiene la promessa o l’erogazione di denaro o altra utilità di cui al primo comma, realizzando la condotta prevista dal terzo comma dell’articolo 416 bis.».

 


Laura Boldrini incontra i Braccialetti bianchi: la proposta di legge sarà in Aula all’inizio di luglio

17/06/2013 - in corruzione

commenti

La Presidente della Camera Laura Boldrini ha incontrato i rappresentanti dell’intergruppo dei braccialetti bianchi per discutere sull’urgenza dell’impegno preso con i quasi 250.000 firmatari della petizione Riparte il futuro contro la corruzione.
Erano presenti Davide Mattiello (relatore della proposta di legge in commisisone, Pd), Rosa Calipari (Pd), Antimo Cesaro (Scelta Civica), Claudio Fava (Sel), Salvatore Micillo (M5S), Rosanna Scopelliti (PDL) insieme a Leonardo Ferrante e Federico Anghelè in rappresentanza della campagna Riparte il futuro.
Boldrini ha confermato che la discussione in Aula della proposta di legge (la modifica del 416 ter richiesta dalla petizione) è programmata per luglio. L’auspicio suo e di tutti i presenti è che venga discussa poco dopo lo scadere dei 100 giorni. Ha inoltre promesso di garantire il voto palese in Aula, in modo che i parlamentari siano personalmente responsabili delle loro scelte.
Qui il video dell’incontro:

 


Record di firme per l’appello a Laura Boldrini: oltre 20.000 in un giorno

14/06/2013 - in corruzione

commenti

Schermata 2013-06-14 alle 12.32.31

Una valanga di firme per combattere la corruzione. In sole 24 ore più di 20.000 persone hanno sottoscritto l’appello che Riparte il futuro ha inviato a Laura Boldrini. Oggetto dell’appello, che arriva in prossimità dello scadere dei 100 giorni di legislatura, termine entro il cui 350 parlamentari cosiddetti “braccialetti bianchi” si erano impegnati a riformare l’art. 416 ter del Codice Penale, è chiedere alla Presidente della Camera un impegno straordinario per portare in tempi brevissimi in Aula la legge sul voto di scambio elettorale politico-mafioso. Un segnale forte e inequivocabile che arriva dai cittadini per esortare la politica a fare la sua parte su un tema determinante per il futuro del paese.

“La Camera rispetti l’impegno preso con oltre 242.000 italiani che hanno chiesto di riformare con urgenza la legge”, si legge nell’incipit dell’appello alla Presidente della Camera. “Siamo convinti”, prosegue il testo, “che il nostro Paese abbia bisogno di un segnale forte contro la corruzione. Per questo, chiediamo a Lei e a tutti i suoi colleghi deputati di discutere al più presto in Aula il testo della legge attualmente al vaglio della Commissione Giustizia. I 100 giorni sono quasi trascorsi, ne mancano appena 12 alla scadenza, e gli italiani aspettano che il Parlamento faccia la sua parte per far ripartire speranza e fiducia per un paese diverso, libero dalla corruzione”.

PARTECIPA ALLA PIU’ GRANDE MOBILITAZIONE CONTRO LA CORRUZIONE MAI ORGANIZZATA IN ITALIA. SIAMO A UN PASSO DAL PRIMO TRAGUARDO : FIRMA ORA>>


Nel nome della trasparenza: il caso Aldo Di Biagio

06/06/2013 - in corruzione

commenti

E’ giunta alle cronache una notizia che riguarda il senatore di Scelta Civica Aldo Di Biagio, indagato per associazione a delinquere nell’ambito di una truffa multimilionaria a danno di INPS e Ministero della Giustizia.

Di Biagio ha aderito a Riparte il futuro il 3 maggio 2013. Nello spirito della campagna, abbiamo provveduto ad aggiornare, sulla pagina personale, la voce relativa alla situazione giudiziaria con i dettagli dell’inchiesta.

La presunzione di innocenza è sacrosanta, così come il diritto di cronaca e il diritto all’informazione posto in campo da Riparte il futuro. Nel nome della trasparenza continueremo a monitorare la vicenda augurandoci che Di Biagio possa garantire la sua estraneità ai fatti.

Leonardo Ferrante


Modifica dell’articolo 416 ter sul voto di scambio politico-mafioso: lavori in corso

30/05/2013 - in corruzione

commenti

Lavoriincorso_1

L’intergruppo parlamentare cosiddetto dei Braccialetti Bianchi porcede a ritmo spedito per ottenere, entro il 24 giugno, la modifica dell’articolo che disciplina lo scambio elettorale politico-mafioso. Deputati e senatori contraddistinti dal simbolo della campagna Riparte il futuro rispondono alla richiesta di circa 238.000 italiani, firmatari della petizione online, per arginare  il fenomeno che sottrae quotidianamente le migliori risorse del paese: la corruzione.
Da una petizione  alla modifica di una legge in 100 giorni: questa è la sfida lanciata da Riparte il futuro e raccolta da circa 350 parlamentari di tutti gli schieramenti, 200 dei quali già membri dell’intergruppo.
A discapito delle proverbiali lentezze istituzionali, la proposta di legge è già stata calendarizzata e già discussa in Commissione giustizia alla Camera. Si attende che venga licenziata nei prossimi giorni.
Intanto è importante che i cittadini continuino a firmare: insieme stiamo dimostrando che cambiare per il meglio e cambiare in fretta è possibile. FIRMA ORA >>