Articoli con il tag “Diego Corrado

Tra luci e ombre, il Brasile è al centro del campo. L’analisi fuori dai luoghi comuni di Diego Corrado, economista

24/06/2014 - in corruzione, dall'estero

commenti

_68280882_68280881
Il Brasile è al centro del campo, con un Mondiale in corso, un’Olimpiade in programma e un’economia in costante crescita, anche se più contenuta rispetto agli anni del boom. Tra la corruzione e i tanti problemi di ordine sociale da un lato e le buone strategie governative per incentivare gli investimenti dall’altro, la terra dei verde-oro sta dimostrando forte volontà di cambiamento e sotto alcuni punti di vista ci sta dando l’esempio.  Abbiamo chiesto al Prof. Diego Corrado, economista esperto di diritto dell’impresa e internazionalizzazione verso l’America Latina, autore del libro  Brasile senza maschere edito dall’Università Bocconi, un’analisi sincera e un confronto con il nostro Paese, alla vigilia di Expo2015.

Le stime valutano che nonostante lo sforzo ingente il mondiale porterà un modesto incremento del Pil, che i nuovi posti di lavoro saranno meno del previsto e l’inflazione aumenterà il costo della vita per gli anni a venire. Non è stato un buon affare?
Senz’altro il Brasile si trova in un momento diverso dal 2007 , anno in cui la World Cup fu assegnata a un paese allora sulla cresta dell’onda. Quest’onda oggi si è molto ridimensionata ma non è finita. La crescita è del 4% di media negli ultimi 10 anni, ha toccato punte del 7,5 nel 2010 e adesso è tra lo 0.9 e il 2. L’inflazione resta alta ma niente di drammatico. Certo questo ha fatto sorgere una grande incertezza per la classe media brasiliana che si era illusa di avere davanti un futuro solo roseo e adesso rivendica diritti che prima non sapeva neppure di avere. Ma scendere in piazza è una costante della storia brasiliana, storicamente fatta di forti movimenti, di società civile che si organizza.
Sfatiamo un mito: che gli eventi sportivi portino in sé grandissimi benefici concreti è una cosa che viene venduta e cavalcata dai politici che li conquistano. Portano sicuramente consenso, spesa pubblica, prestigio, ma la letteratura economica è molto più cauta rispetto ai benefici materiali. Più che i reali guadagni, il Brasile di Lula di 7 anni fa, quando ottenne l’assegnazione, aveva bisogno di una consacrazione internazionale. Di fronte all’iperinflazione, all’instabilità, alla violenza, all’estrema disuguaglianza voleva dire: non siamo più un paese pittoresco, folcloristico e pieno di problemi, ma siamo una potenza.

La Corte dei conti sta indagando su sospetti extracosti e sovraffatturazioni legati alle grandi opere mentre il governo offre un conteggio in chiaro sul portale della trasparenza. Come  si sta muovendo il paese in termini di prevenzione e contrasto della corruzione?
Anche in Brasile, come in Italia, c’è un sistema istituzionale inefficiente che favorisce pratiche corruttive. Sono tante le cose che abbiamo in comune. Cito però un fatto in cui  loro ci hanno dato una bella lezione: quando di recente alcuni esponenti governativi di primo piano del Partido de los Trabajadores sono stati coinvolti in un grave scandalo di corruzione, la giustizia li ha condannati, e fatto inaudito, a novembre scorso sono stati rinchiusi nel carcere di Brasilia. Noi abbiamo avuto Tangentopoli ma molti dei politici che sono andati alla sbarra non sono poi mai finiti in carcere. E ancora: nel primo anno del suo governo, Dilma Roussef ha sostituito 7 ministri, tra cui  quello dell’economia e dello sport, che per un motivo e per un altro sono divenuti oggetto di critiche su episodi oscuri. Invece di insabbiare il fatto, la Presidente non ha esitato a rimuovere dall’incarico personaggi “chiacchierati”. In particolare per Antonio Palocci, ministro di rilievo del governo, è bastata un’inchiesta del Folha de Sao Paulo in cui è emerso che il suo patrimonio era inspiegabilmente aumentato di 20 volte negli ultimi 5-6 anni. Nessuna accusa, nessun processo: di fronte alla pressione dell’opinione pubblica Dilma Roussef lo ha fatto fuori.

Il problema corruzione è innanzitutto di ordine economico. In particolare rappresenta un grave deterrente agli investimenti specialmente stranieri perché penalizza la fiducia. Questa regola non vale però per i paesi del BRICS che pur essendo messi peggio dell’Italia a livello di corruzione, secondo le classifiche, attirano molti investimenti… Come mai?
La risposta è “il nuovo”: quando uno pensa di investire nel Brasile è a conoscenza delle ombre ma vede un anche delle luci, vede un Paese che si sta muovendo verso una direzione. Il reddito medio del Brasile è un terzo di quello italiano, sono messi molto peggio di noi, ma la tendenza è la crescita. La popolazione si rivolge per la prima volta al mercato dei consumi, vuole affermare il proprio status, mette in tavola per i propri amici una buona bottiglia di Chianti, acquista i mobili di design italiani, compra da Armani, Gucci, Prada. Il prodotto “importados” è per loro un simbolo di inclusione, partecipazione, contro l’emarginazione che hanno subito fino a pochi anni fa. L’imprenditore sa bene che non sta andando a investire in Svizzera o in Danimarca e se non è uno sprovveduto si fa i suoi conti. E trova un ambiente normativo dove tra mille difficoltà si fanno passi avanti. Ad esempio c’è un sistema molto pesante a livello burocratico per arginare il riciclaggio di denaro sporco. Il Brasile non è un paese “arrivato” ma è un paese che si è incamminato.

Anche l’Italia si sta cimentando in un grande evento planetario, l’Expo, ma con dei risultati discutibili…
È una questione di Governance. Senza andare a vedere quello che è accaduto poche settimane fa, gli scandali balzati alle cronache, il problema è che non siamo riusciti a fare un investimento progettando un utilizzo a lungo termine. L’esempio delle ultime Olimpiadi di Londra è eloquente: gli inglesi avevano già previsto, prima ancora di costruirle, che le palazzine per ospitare gli atleti sarebbero diventate appartamenti agevolati per le famiglie e così via…
In Italia dobbiamo ragionare sulle norme che creano delle Istituzioni etiche e trasparenti. Ci deve essere un’organizzazione in grado di prevenire e isolare le tentazioni che il singolo può avere e che purtroppo esistono nella natura umana. Fare etica degli affari non vuol dire fare “i buoni” ma vuol dire basarsi su principi, regole e norme per fare business. Non è facile, perché si rischia l’irrigidimento burocratico, ma la strada è quella.