Articoli con il tag “farmaci

Anticorruzione e sanità – Cresce la sfiducia

24/09/2014 - in anticorruzione e sanità

commenti

card_blog_cresce_sfiducia

A cura di Paolo Cornaglia Ferraris >>

Medico, editorialista de La Repubblica, Presidente Camici & Pigiami ONLUS

La corruzione destabilizza il servizio sanitario. La grande quantità di danaro pubblico affidato alle Regioni (la sanità supera 80% del budget regionale) concentra su tale settore gli interessi clientelari della classe politica, quelli imprenditoriali dei vincitori d’appalto, quelli sindacali, universitari e di carriera.

La complessità degli interessi e delle interazioni della classe dirigente e dei gruppi dominanti è tale da stimolare l’atto corruttivo come scappatoia o strumento risolutivo di conflitto o competizione.

Sia a livello organizzativo che individuale esiste dunque una suscettibilità nell’esporsi alla corruzione che trova giustificazione in ogni contesto, dal superamento dei test per accedere alla facoltà di Medicina, sino alla fornitura di cibo o altri servizi. Quando questa si attua il sistema si indebolisce (forniture scadenti, carriere pilotate, demolizioni e costruzioni infinite ecc). Per esempio, nelle Regioni con alto tasso corruttivo, per migliorare la propria condizione economica, molti medici prescrivono farmaci o presidi inappropriati (non servono al paziente) solo per ricevere vantaggi o danaro. Funzionari delle ASL con laurea in medicina chiedono tangenti per rilasciare autorizzazioni, fornendole solo a chi paga anche se non è in regola. Il danno di tutto ciò sulla salute dei cittadini è conseguenza inevitabile. Tra i maggiori corruttori, le industrie farmaceutiche, i produttori di rimedi omeopatici e fitoterapici o di integratori, hanno nei medici il bersaglio maggiore.

La percezione pubblica di un livello corruttivo elevato ha come vittime maggiori i medici di famiglia, che si trovano a far fronte ad una sfiducia crescente, idee strampalate, pompate dai social media, richieste di rimedi e cure prive di senso o favole metropolitane riguardanti ogni sorta di prodotto farmaceutico o di vaccino.

L’ignoranza della gente privilegia i rimedi cosiddetti naturali, che di naturale hanno quasi nulla e di truffaldino puzzano a distanza. Non si riesce a capire perché la gente si fidi di più di un rimedio preso in erboristeria, senza nessuna garanzia di quando, come e dove foglie o radici siano state raccolte e conservate, che non di un farmaco che da 50 anni ha dimostrato di funzionare e non avere tossicità. Al danno, dunque, si aggiunge la beffa e la vittoria finale è sempre di chi sceglie la via breve, quella corruttiva, per assicurarsi i vantaggi maggiori.

Per approfondimenti>>

TUTTI GLI ARTICOLI DI ANTICORRUZIONE E SANITA’ >>


Anticorruzione e sanità – Farmaci e bugie

07/07/2014 - in anticorruzione e sanità

commenti

sapere_curare_card_1

162251540-feac67e2-90ab-45aa-9f42-f977a5f55e7cA cura di Paolo Cornaglia Ferraris >>
Medico, editorialista de La Repubblica, Presidente Camici & Pigiami ONLUS

FARMACI E BUGIE
Un bias (pronuncia baias) è un errore sistematico, o deviazione dalla verità, nei risultati di uno studio medico. È stato dimostrato che le fonti di finanziamento rappresentano una fonte di bias. Studi sponsorizzati dalle industrie farmaceutiche hanno riportato più spesso risultati favorevoli, sia in termini di efficacia che di danni, rispetto a quelli non sponsorizzati dall’industria. Inoltre, studi sponsorizzati riportano conclusioni favorevoli più spesso di quelli non sponsorizzati, anche dopo aver controllato per la dimensione dell’effetto (“effect size”, misura statistica che varia in funzione di dose del farmaco e altri parametri).
Il bias dovuto alle fonti di finanziamento può derivare da un’influenza sistemica sulla conduzione degli studi o sulla metodologia dello studio, oppure dal fatto che non tutti i risultati dello studio vengono pubblicati, o da una combinazione di questi meccanismi. I risultati degli studi possono essere influenzati per esagerarne l’efficacia e minimizzarne gli effetti collaterali, (ad esempio eliminando due o tre casi di morti per infarto avvenute per un anti infiammatorio), influenzando il modo in cui i dati vengono analizzati, e quali dati vengono pubblicati. Dobbiamo cambiare il modo con cui si fa ricerca e si sviluppano nuovi farmaci. Non sono in ballo solo la salute e i rischi individuali, ma la qualità dell’imprenditoria farmaceutica e la reputazione di università e organi di controllo e di governo. L’integrità della ricerca scientifica è troppo importante per essere lasciata alle mani invisibili di operatori del mercato.

Per approfondimenti:

The Truth About the Drug Companies: How They Deceive Us and What to Do About It
Di Marcia Angell. New York, Random House, 2004.

La Malaricetta. Informatore Anonimo. Fratelli Frilli Ed. 2004.

TUTTI GLI ARTICOLI DI ANTICORRUZIONE E SANITA’ >>