Articoli con il tag “Gad Lerner

Don Luigi Ciotti è l’ospite di Gad Lerner a Zeta: stasera alle 22.15 su La7

01/02/2013 - in corruzione, Libera e Gruppo Abele

commenti

lerner don ciotti zeta

La corruzione nella campagna elettorale: doveva essere un tema centrale di confronto davanti ai cittadini, per garantire loro un rinnovamento profondo della classe dirigente. Ma è andata davvero così?

Se ne parlerà stasera nello studio di Zeta, la nuova trasmissione di Gad Lerner su La7, insieme a don Luigi Ciotti.
Ospite della seconda puntata del programma, il fondatore di Gruppo Abele e Libera racconterà come nasce e cosa si prefigge di fare Riparte il futuro, dando nomi e numeri di quella che, a soli 15 giorni dal lancio, è già la più grande campagna digitale mai organizzata contro la corruzione in Italia.

“Sarà un’occasione per conoscere meglio il suo straordinario percorso di vita” annuncia Gad Lerner sul suo blog “Tra gli interlocutori che gli proporremo vi segnalo Conchita Sannino, corrispondente napoletana di “La Repubblica”; don Luigi Merola ( il sacerdote che Berlusconi voleva candidare proponendogli di diventare il “nostro” Roberto Saviano); il finanziere Pietro Modiano. Nuovo intervento di Marica Di Pierri dell’associazione A Sud”. leggi tutto


Mario Monti risponde a Gad Lerner: “lei sottoscrive i 5 impegni di Riparte il futuro?” (Zeta La7)

27/01/2013 - in corruzione, Politico e digitale

commenti

Venerdì prossimo don Luigi Ciotti si siederà sulla poltroncina rossa di Zeta, la nuova trasmissione di La 7 condotta da Gad Lerner.
Nell’anticipare la presenza, Lerner chiede a Mario Monti, ospite della prima puntata del programma, se è disposto ad aderire ai 5 punti della petizione Riparte il futuro:

“Presidente, non so se è informato che nei giorni scorsi don Luigi Ciotti, fondatore del Gruppo Abele e del movimento Libera, ha promosso una petizione che ha già superato le 48.000 adesioni. Questa si rivolge a tutti i candidati alle elezioni politiche del mese prossimo sul tema della corruzione. È molto semplice quello che si chiede a chi è in campagna elettorale – lei è senatore a vita ma avrebbe un significato che sottoscrivesse. Si chiede di impegnarsi affiché sia rinforzata la norma sullo scambio elettorale politico-mafioso, di pubblicare il proprio curriculum vitae, la propria situazione giudiziaria, la propria condizione reddituale e partimoniale e di dichiarare eventuali conflitti d’interesse personali e mediati. Lei sottoscriverebbe? È disposto a pubblicare questi dati che la riguardano?”

Ecco la risposta di Mario Monti: “Non lo sottoscrivo perché l’ho già fatto…”

Gad Lerner conclude: “faremo questa verifica di quanti candidati effettivamente adempiranno questo tipo di procedure”.

Sperando che il Presidente Mario Monti – evidentemente in linea con le richieste di Riparte il futuro – aderisca e inviti ad aderire tutti i candidati di Scelta Civica che non hanno ancora pubblicato le informazioni richieste, aspettiamo l’appuntamento con Zeta di venerdì prossimo.