Articoli con il tag “sportello corruzione

Segnalare la corruzione: dallo sportello civico digitale alla normativa sul whistleblowing

12/05/2014 - in corruzione, Politico e digitale

commenti

Denunciare la corruzione dovrebbe essere per il funzionario pubblico un atto dovuto che gli fa onore, e non, come purtroppo accade, un atto di coraggio che gli può causare ritorsioni sul posto di lavoro.
Nei paesi anglosassoni è stato da lungo tempo introdotto il “whistleblowing”  (da“whistle” che significa “fischietto”) in base al quale chi, nel ruolo delle sue funzioni lavorative, assiste a comportamenti illeciti e li denuncia è protetto dalla Stato da qualunque ripercussione. In alcune legislazioni (come quella statunitense) il whistleblower è persino premiato con un riconoscimento economico anche importante.

Nel nostro paese la legge 190/2012 per la prima volta introduce questa figura, ma c’è un unico articolo che spiega in che modo procedere e quali sono le garanzie per chi denuncia. A questa insufficienza normativa (che segnaliamo anche nella nostra agenda) possono rispondere le Regioni o i singoli enti di Pubblica amministrazione, creando dei sistemi integrati veramente tutelanti e che facilitino la denuncia.

Si tratta di un punto importantissimo per la lotta alla corruzione che abbiamo messo tra le priorità della nuova petizione rivolta ai candidati alle Elezioni di maggio 2014. A sostenere questa battaglia, oltre a 100.000 cittadini che hanno firmato, ci sono anche i Signori Rossi, il movimento fondato dall’ex vice-presidente dell’Amiat di Torino, Raphael Rossi, che alcuni anni fa ha denunciato pubblicamente la corruzione.

Grazie a una coprogettazione con il Dipartimento di Management e con il Dipartimento di Giurisprudenza dell’Università di Torino i Signori Rossi stanno lanciando a questo proposito un nuovo sito che si chiamerà SoS corruzione per segnalare abusi ed episodi di corruzione, per spiegare ai cittadini quale sia il corretto comportamento da tenere in situazioni a rischio, per sensibilizzare alle problematiche connesse alla corruzione, conflitti di interesse e favoritismi.

Il sito è l’evolzione dello sportello online dei Signori Rossi, che a maggio compie tre anni, e raccoglierà preziosi contributi accademici e di ricerca in cooperazione con altre Università europee e supportata dalla rete Ius Publicum Network Review.

Il primo passo per dare vita a questo strumento anti-corruzione sarà l’evento Hackunito: una maratona informatica (hackathon) dal 12 al 17 maggio all’Università di Torino, in cui sarà avviata la progettazione del sito coinvolgendo studenti in loco ed esperti web a distanza. L’appuntamento è martedì 13 alle 16 presso l’aula A1 Vilfredo Pareto, D2, piano terra, Campus Luigi Einaudi, Lungo Dora Siena 100, Torino .

Se interessati scrivete a soscorruzione@gmail.com

FIRMA LA PETIZIONE PER I CANDIDATI ALLE ELEZIONI DEL 25 MAGGIO: impegno concreto contro la corruzione >>

02